feb 21

Solo furbi al call center dell’ acese ?

 

La Notizia dell’operazionde della Gdf: Qui

call-center“L’indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Acireale in un call-center, dove sono stati accertati centinaia di casi di irregolarità, segnala un altro episodio di abuso ai danni dei lavoratori atipici che sono vittime della distorta, illecita applicazione dei contratti di collaborazione a progetto da parte dei soliti furbi”. Lo dichiara Giancarlo Mattone, segretario regionale della Uil Temp@, che prosegue: “Ancora una volta, dobbiamo con amarezza constatare che, pur appartenendo alla tipologia del lavoro autonomo, le collaborazioni a progetto vengono utilizzate per celare rapporti subordinati con indubbi, illegittimi, vantaggi per il datore di lavoro”. “Non è possibile andare avanti così, a Catania come altrove in Sicilia – prosegue il segretario regionale dell’organizzazione di categoria Uil – Da anni siamo in attesa di una riforma del mercato del lavoro che sia effettivamente tale e che eviti di far pagare il prezzo della flessibilità ai soli lavoratori atipici. Questa è la sfida che lanciamo ai governi, vecchi o nuovi poco importa: intervengano concretamente affinché il lavoratore, parte debole sul mercato, sia messo nelle condizioni di conoscere la propria condizione contrattuale e rivendicare il rispetto dei propri diritti”. “La UilTem.p@ – conclude Giancarlo Mattone – è da sempre a fianco di lavoratori somministrati, atipici e parasubordinati che necessitano di assistenza. Mettiamo a loro disposizione sedi e professionalità della nostra organizzazione, presente nelle 9 province siciliane, perché possano finalmente ottenere riconoscimento pieno delle proprie prerogative, troppo spesso ignorate”.

feb 13

Vertenza Etnall, la Uilm alla riunione nell’Assessorato regionale alle Attività produttive

“L’assessorato regionale alle Attività produttive ha accolto la nostra richiesta di impegno diretto nella ricerca di soluzioni positive alla vertenza Etnall, l’azienda di Belpasso in concordato preventivo con 150 lavoratori dipendenti. La Regione ha assicurato la presenza al vertice convocato per il 27 dal Ministero dello Sviluppo economico a Roma”. Lo afferma il segretario provinciale Uilm Matteo Spampinato, al termine della riunione di oggi a Palermo nella sede dell’assessorato regionale Attività produttive cui ha partecipato pure un rappresentante dell’amministrazione comunale di Belpasso. “La Uilm – conclude Spampinato – sta lottando con Fiom e Fim per difendere 150 posti di lavoro e il patrimonio industriale rappresentato da quella azienda, che rischia di sparire o di essere sottoposta a una illogica vendita per parti separate dello stabilimento”.

feb 12

IL TEATRO STABILE CONVIENE scopri la nuova offerta dedicata agli under 30

Il Teatro Stabile di Catania lancia una nuova offerta dedicata ai giovani che vogliono scoprire il mondo del teatro: biglietti a cinque euro, fino all’esaurimento dei posti dedicati alla promozione. Se hai meno di trent’anni, ti basta seguire i nostri profili online (Facebook e Twitter) per scoprire in quali date e in occasione di quali spettacoli le porte del teatro Giovanni Verga e del teatro Angelo Musco saranno ancora più aperte del solito.Cominciamo con «La vertigine del drago», di Alessandra Mortelliti, con Michele Riondino e Alessandra Mortelliti, in scena al teatro Angelo Musco dall’11 al 16 febbraio 2014. Francesco è un naziskin alle prime armi che, durante un agguato neonazi a un campo rom, rimane gravemente ferito. Per riuscire a mettersi in salvo prende in ostaggio Mariana, zingara zoppa ed epilettica. Chiusi in un garage scoprono, nonostante l’apparente lontananza, di essere simili: soli, abbandonati, infelici e problematici.Il 14 e il 15 febbraio, per gli under 30 che avranno prenotato scrivendo all’indirizzo email sotto indicato, «La vertigine del drago» costerà solo cinque euro. Per dimostrare ai giovani catanesi che passare una serata a teatro conviene. Ciascun utente potrà al massimo prenotare due biglietti, comunicando nel testo del messaggio il nome di chi prenderà parte alla recita. Nel caso in cui i posti non fossero esauriti, il personale dello Stabile invierà una email di conferma. Saranno valide solo le prenotazioni confermate dal Teatro Stabile di Catania.Il pagamento del biglietto avverrà al botteghino, come di consueto.Per informazioni e prenotazioni:Luisa Santangeloluisa.santangelo@teatrostabilecatania.itmobile: +39 348 05988906ffa065634b02c07506d37e072a9ff8b_L

feb 11

Uil incontro sui diritti dei malati

“In Sicilia, una diciottenne è morta di ascesso perché non poteva permettersi le cure mediche. Pensando a lei e ai tanti cittadini che, sempre più numerosi e disperati, rinunciano a curarsi perché non hanno mezzi e possibilità, la Uil di Catania aderisce alla Giornata mondiale del Malato”. Lo afferma il segretario Uil Angelo Mattone che aggiunge: “Vogliamo, però, andare oltre la semplice adesione e alzare la voce per rivendicare il diritto alla salute assieme alle organizzazioni che ogni giorno sono sul territorio a fianco di chi soffre e cercano di supplire alle carenze di istituzioni pubbliche, ormai incapaci di rispondere ai bisogni elementari delle nostre comunità. Per questo, abbiamo organizzato per martedì 18 alle 16 nella sede Uil di via Sangiuliano a Catania un incontro con tutte le associazioni di volontariato con l’obiettivo di avviare un percorso responsabile e condiviso di valorizzazione dell’impegno comune. Con loro, vorremmo costruire una società in cui dignità e diritto alla vita non siano soltanto mere enunciazioni di principio”.

feb 07

Bozza proposta parte economica CCNL -Fondazioni lirico sinfoniche

Recita cosi` la bozza :

Art. 47 bis – Valorizzazione naz.le 2° livello contrattazione Fermo restando quanto previsto al precedente art. 47 e specificatamente confermato quanto ivi indicato al comma 1) punto A ; considerate le modifiche apportate al CCNL con il presente rinnovo, caratterizzate dall’’inserimento di qualificanti normative finalizzate ad

Continua a leggere

feb 07

Assenza dal domicilio del lavoratore in malattia in caso di emergenza

Importante sentenza della Cassazione sull’assenza dal domicilio del lavoratore in malattia durante la reperibilità in caso di emergenza.

 

Assenza dal domicilio del lavoratore in malattia in caso di emergenza

La Cassazione, con ordinanza nr. 2047/2014, torna a decidere in tema di assenza del lavoratore in malattia dal domicilio durante le fasce di reperibilità. Nella specie, la Suprema Corte giustifica l’assenza dal domicilio del lavoratore in malattia durante la reperibilità se tale assenza, è dovuta ad una vera emergenza.

Il caso ha riguardato un dipendente di Poste Italiane spa che proponeva ricorso al giudice del lavoro chiedendo la restituzione di 605 euro trattenutagli per essere risultato assente dal domicilio in sede di visita di controllo e, l’annullamento della sanzione disciplinare del richiamo scritto, irrogata per non aver preventivamente avvisato l’azienda datrice dell’allontanamento dal domicilio durante la fascia di reperibilità.

Le 605 euro erano state trattenute in base al disposto dell’art. 5 comma 14 del D.L. nr. 463/83 il quale, espressamente prevede che: “qualora il lavoratore, pubblico o privato, risulti assente alla visita di controllo senza giustificato motivo, decade dal  diritto  a qualsiasi trattamento economico per l’intero  periodo  sino  a  dieci giorni e nella misura della metà per  l’ulteriore  periodo,  esclusi quelli di ricovero ospedaliero o già accertati da precedente  visita di controllo”.

Il Tribunale del lavoro rigettava il ricorso del dipendente; la Corte d’Appello, in riforma della sentenza di primo grado, accoglieva il ricorso del lavoratore. Poste Italiane ricorrevano in Cassazione.

Gli Ermellini, ribadendo quanto previsto dalla sentenza di appello, ritengono giustificata sia l’assenza dal domicilio del lavoratore in malattia che, la mancata preventiva comunicazione della stessa e ciò, in ragione dell’improvviso acuirsi di “una patologia molto dolorosa che aveva reso indifferibile l’uscita dall’abitazione per recarsi dal medico curante e impraticabile la preventiva comunicazione dell’assenza alla datrice di lavoro”.

In pratica,l’emergenza della situazione giustifica sia l’assenza dal domicilio del lavoratore in malattia durante la fascia di reperibilità che, la mancata preventiva comunicazione; pertanto, il dipendente non può essere né sanzionato con il rimprovero scritto né tantomeno può subire  la decurtazione della paga di 10 giorni lavorativi così come previsto dall’art. 5 co 14 del D.L. nr. 463/83.

Fonte: http://www.lavoroediritti.com/2014/02/assenza-dal-domicilio-del-lavoratore-in-malattia-in-caso-di-emergenza/#ixzz2scXpZ0BG

feb 04

COMUNICATO TELECOM

COMUNICATO TELECOM

 

Il giorno 29 Gennaio si è tenuto un incontro con il responsabile RU di Telecom, la dirigenza aziendale delle RI e delle Linee Operative a seguito delle continue sfasature nel rapporto tra azienda e sindacato nella gestione dei processi di riorganizzazione – accordo del 27 marzo – e delle comunicazioni inerenti a scelte significative sul futuro dell’azienda e dei lavoratori come la vicenda dei negozi sociali.

La FIStel e la UILCOM ( la Slc ha preferito un comunicato di organizzazione) hanno chiesto con forza una discontinuità rispetto al passato nel sistema delle Relazioni Industriali, dove il sindacato non può essere relegato al ruolo di notaio e convocato solo quando si ha bisogno della sua firma per gli ammortizzatori sociali. Per la FISTel e la UILCOM è necessario ripartire con il rafforzamento delle relazioni sul territorio in quanto il vero monitoraggio dei processi che interessano i lavoratori avviene nelle singole regioni e spesso si arriva al “palleggiamento” delle criticità tra livello nazionale e territoriale con la conseguente partenza unilaterale dell’azienda.

Continua a leggere