dic 17

Direttivo provinciale UILCOM CATANIA 19-12-2016

Catania 17/12/2016

Presso la sala Geraci della Segreteria Uil Catania, si è tenuto stamane  il Direttivo provinciale Uilcom Catania.

Apertura lavori con l’intervento del Segretario Gen.Giovanni Nicotra che ha tracciato il percorso Uilcom degno di nota negli ultimi anni, che ha visto triplicarsi il numero degli iscritti.

Il Segretario Organizzativo Salvo Orlando ha invece focalizzato l’attenzione sulla profonda e ancora irrisolta crisi che ha investito il Teatro Stabile di Catania, baluardo della tradizione e cultura della nostra città.Ha denunciato l’abbandono dei lavoratori  e il disinteresse per una questione di primaria importanza che riguarda il posto di lavoro di 35 colleghi e la sopravvivenza di un’istituzione nella nostra bella ma martoriata terra.

A seguire l’intervento del Segretario Prov. Concetto Sicali che ha sottolineato la complessità della vertenza Almaviva, le difficoltà oggettive riscontrate al Mise e i tempi ormai risicati che non permettono di guardare con fiducia al futuro. Altresì ha elogiato  la coesione del gruppo di lavoro di Almaviva Catania che ha prodotto grandi risultati nonostante il periodo di profonda crisi.

Anche il Segretario Prov. Francesco Siciliano ha sottolineato l’impegno profuso dal gruppo Almaviva Catania  per raggiungere obiettivi significativi, qualitativi e quantitativi. Ha poi affrontato la spinosa questione riguardante l’art. 24 bis che a breve diventerà 35 bis, offrendo finalmente la possibilità all’utente di scegliere di parlare con operatori di call center italiani.

Chiusura dei lavori affidata al Segretario Gen. Confederale Fortunato Parisi che auspicando soluzioni celeri per tutte le vertenze in corso, ha portato i suoi saluti alla categoria e i tradizionali auguri per le imminenti feste.

2016-12-17-photo-00000003         2016-12-17-photo-00000004        2016-12-17-photo-00000002

set 23

Solidarietà ai colleghi di Qè

La Segreteria Uilcom Uil di Catania esprime piena solidarietà ai lavoratori del call center Qè di Paternò.
Qê un’azienda protagonista nel territorio paternese con commesse di prestigio come Inps, Enel, Wind, che grazie alla qualità ed alla serietà dimostrata dai lavoratori di Paternò, ma provenienti anche da tutta la provincia di Catania, è diventata nel corso degli anni un vero centro di eccellenza. Malgrado gli sforzi profusi dai 600 lavoratori, non ultimo lavorare per tre mesi senza essere retribuiti, Qè che è stata gestita in modo scellerato, è diretta al fallimento. 600 famiglie perderanno la loro fonte di reddito, il territorio di Paternò ne uscirà impoverito.
Anche la Uilcom-Uil non ci sta!
Non si può più permettere a imprenditori senza scrupoli, che vengono in Sicilia solo per depauperare la nostra bella isola ed a togliere speranza alle nostre ed ai nostri giovani, il continuo sfruttamento delle nostre migliori risorse locali!
La Uilcom-Uil, a difesa del lavoro ed ancor prima dei lavoratori, chiede alle istituzioni nazionali di attivarsi per provvedere ad una risoluzione tempestiva e duratura così da evitare quella che si preannuncia come l’ennesima catastrofe sociale.

Segreteria Uilcom-Uil
Catania

set 23

Comunicato della Segreteria confederale nazionale UIL

sede6

Si è svolta questa mattina la consueta riunione settimanale della Segreteria della Uil con all’ordine del giorno, in particolare, il confronto con il Governo su pensioni e lavoro.

 

In merito alla vicenda di cronaca emersa nei giorni scorsi, poi, la Segreteria ha condiviso la dichiarazione già espressa dal Segretario generale e l’ha fatta propria. È stata ribadita la fiducia in quello che sarà l’operato della magistratura, tenuto conto della certezza che da parte del Segretario, comunque, non c’è mai stato un uso distorto delle risorse della Uil per fini estranei agli interessi dell’Organizzazione, riconoscendo allo stesso Segretario generale il suo totale impegno e totale dedizione all’incarico ricevuto.

 

Nel pomeriggio di domani, nel corso della riunione dell’Esecutivo della Uil, già convocata in vista dell’incontro con il Governo, saranno approfondite anche le problematiche menzionate per offrire agli iscritti, ai dirigenti e all’opinione pubblica il massimo chiarimento sulla vicenda in questione.

 

set 16

LO STABILE E’ VIVO

13043344_1058090647598545_4410062965318132724_n

Catania 15 settembre

Il teatro Stabile è vivo!

Al pari dell’araba fenice, il Teatro Stabile risorge dalle ceneri. Dopo mesi di agitazione e di protesta, finalmente un segnale di ripresa per dimostrare che una tradizione artistica consolidata non può e non deve essere spazzata via. Con il Canto delle sirene (dittico liberamente tratto da L’ultimo viaggio di Pascoli e La Sirena di Tomasi di Lampedusa) Luigi Lo Cascio, Pippo Pattavina, Ezio Donato e Deborah Bernardi hanno regalato grandi emozioni al pubblico presente nella suggestiva cornice del Teatro greco- romano appena ristrutturato. Il Teatro Stabile ricomincia, sosteniamolo!