dic 29

Jobs Act KO domani 30 dic sit-in davanti la prefettura di catania

DICHIARAZIONE DI CARMELO BARBAGALLO SEGRETARIO GENERALE UIL

Questo Jobs Act non risolverài problemi del mondo del lavoro; anzi, faràemergere contraddizioni che non saràfacile gestire. Un vero Jobs Act, invece, dovrebbe determinare la soluzione delle crisi aziendali ancora aperte e prevedere investimenti pubblici e privati.

Da questo punto di vista, abbiamo apprezzato la soluzione adottata per l’Ilva che dàun futuro a uno stabilimento strategico per la nostra economia e crea le condizioni per salvaguardare l’ambiente di quel territorio.

Risolvere le vertenze aperte, puntare sugli investimenti per lo sviluppo e l’occupazione, correggere gli errori che scaturiranno dai decreti appena approvati sono solo alcuni degli obiettivi che ci porremo giàa partire dai primi giorni del nuovo anno. Chiederemo a CGIL e CISL di predisporre, insieme, un percorso comune e iniziative unitarie per ottenere questi risultati.

barbagallo_large

apr 11

Elezioni al Fondo Telemaco

logo_telemacoFondo Telemaco Vodafone Catania

Votanti 149 su 269

Cgil-Slc 115
Fistel-Cisl 20
Uilcom-Uil 13
Ugl 1

Elezioni Fondo Telemaco Sede Almaviva Ct

Cgil 78
Cisl 22
Ugl 15
Uil 14



apr 05

DOCUMENTAZIONE 730 PER GLI ISCRITTI

cropped-cropped-statuto_large-copia2.jpgLe RSU Uilcom comunicano a tutti i lavoratori dipendenti , e a progetto , iscritti alla nostra organizzazione , che possono consegnare alle stesse RSU , la documentazione per li modello 730 per l’anno 2014. Vi ricordiamo che i documenti da consegnare devono essere le copie, e non gli originali . Di seguito trovate l’elenco dei documenti:

Continua a leggere

feb 04

COMUNICATO TELECOM

COMUNICATO TELECOM

 

Il giorno 29 Gennaio si è tenuto un incontro con il responsabile RU di Telecom, la dirigenza aziendale delle RI e delle Linee Operative a seguito delle continue sfasature nel rapporto tra azienda e sindacato nella gestione dei processi di riorganizzazione – accordo del 27 marzo – e delle comunicazioni inerenti a scelte significative sul futuro dell’azienda e dei lavoratori come la vicenda dei negozi sociali.

La FIStel e la UILCOM ( la Slc ha preferito un comunicato di organizzazione) hanno chiesto con forza una discontinuità rispetto al passato nel sistema delle Relazioni Industriali, dove il sindacato non può essere relegato al ruolo di notaio e convocato solo quando si ha bisogno della sua firma per gli ammortizzatori sociali. Per la FISTel e la UILCOM è necessario ripartire con il rafforzamento delle relazioni sul territorio in quanto il vero monitoraggio dei processi che interessano i lavoratori avviene nelle singole regioni e spesso si arriva al “palleggiamento” delle criticità tra livello nazionale e territoriale con la conseguente partenza unilaterale dell’azienda.

Continua a leggere